top
i

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor ut labore et dolore magna aliqua.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor ut labore et dolore magna aliqua.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor ut labore et dolore magna aliqua.

“Don’t tell God how big your storm is, tell the storm how big your God is”

Walter Spencer

Lead Pastor

i

LECTIO DIVINA

 

La lectio divina è da secoli la modalità con la quale i monaci si accostano alla Parola di Dio presente nella Sacra Scrittura, meditandola e pregandola al fine di trarne nutrimento per la propria vita spirituale. Insieme alla recita dell’Opus Dei (l’Ufficio divino comunitario) (link) e al lavoro, la lectio divina è una delle tre colonne su cui si regge la vita monastica. La lectio divina contempla quattro gradini: la lettura, la meditazione, la preghiera e la contemplazione.

 

La lectio divina consisteanzitutto nella lettura, fatta con calma, di un brano della Sacra Scrittura – ad esempio un capitolo di un libro della Bibbia o un brano proposto dalla Liturgia della Chiesa – cercando di assimilarne il contenuto. Quindi si sceglie una frase o una parola dalle quali si è stati particolarmente colpiti e ci si sofferma con particolare attenzione su di esse.

A questo punto si inserisce il momento della meditazione: si lascia calare quella determinata frase o parola nel proprio cuore e la si “digerisce”, la si impasta, cioè, con il proprio vissuto, in attesa che la Parola di Dio porti il suo frutto in chi legge, guarendo le sue ferite, consolandolo e incoraggiandolo sulle vie del bene.

Si giunge così al momento della preghiera, che nasce spontanea sull’onda della meditazione, preghiera che, a seconda dei momenti che si vivono, può essere di pentimento, di lode, di richiesta, di ringraziamento, etc.

Si arriva infine alla contemplazione, ossia a quello sguardo rinnovato su Dio, su sé stessi, sugli altri e sulla realtà che ci fa sperimentare la presenza di Dio che sostiene e accompagna concretamente la nostra vita quotidiana. La lectio divina, che fa parte del DNA del monaco, è ovviamente indispensabile a chi è in formazione e si prepara a diventarlo, perché impari a far ruotare tutta la propria giornata attorno alla Parola di Dio e alla luce e alla forza che da essa promanano.

 

 

 

COLLATIO

La collatio è il momento, successivo alla lectio divina, in cui si condivide con gli altri quanto si è vissuto nella lectio personale. Il momento personale è necessario, soprattutto nel momento della meditazione, perché il rapporto con la Scrittura è unico e irripetibile per ognuno di noi. Tuttavia, la collatio ha un valore altamente formativo, perché la ricchezza che il Signore dona a ciascuno dev’essere condivisa con gli altri e diventare un dono anche per loro. La Chiesa è una realtà di comunione, e lo Spirito che parla alla vita di ciascuno è il medesimo, per cui confrontarsi su quanto Egli suggerisce a ognuno di noi ci aiuta a conoscerlo meglio e a cementare l’unità con i fratelli.

 

 

 

LETTURA SPIRITUALE

Mentre la lectio divina richiede uno sforzo di concentrazione che assorbe tutta la persona, e il cui frutto è dolcissimo oltre che essere di solido nutrimento per l’anima, la lettura di libri di carattere spirituale (ad esempio, dei Padri del deserto o della Chiesa o degli autori spirituali del cristianesimo) fa sperimentare l’amore del Signore attraverso suggerimenti utili per la vita monastica.