Domenica XXXIV (A): Nostro Signore Gesù Cristo Re dell’Universo

(TESTI DEI CANTI IN ITALIANO)

Canto d’ingresso: (Ap 5, 12; 1,6 V/. Sal 71, 1)

L’Agnello immolato è degno di ricevere potenza e ricchezza e sapienza e forza e onore: a lui gloria e potenza nei secoli, in eterno.

V/. Dio, dà al re il tuo giudizio e al figlio del re la tua giustizia.

 

Ritornello al Salmo responsoriale: (Sal 22)

Il Signore è il mio pastore, non manco di nulla

 

oppure Graduale: (Sal 71, 8. V/. 11)

Dominerà da mare a mare e dal fiume fino ai confini del mondo. V/. Lo adoreranno tutti i re della terra e tutti i popoli lo serviranno.

 

Alleluia: (V/. Dn 7, 14)

V/. Il suo potere è un potere eterno che non gli sarà tolto, e il suo regno non sarà distrutto.

 

Canto d’offertorio: (Sal 2, 8)

Chiedi a me e ti darò in eredità i popoli e in tuo possesso i confini della terra.

 

Canto di comunione: (Mt 25, 40. 34)

In verità vi dico: ciò che avete fatto a uno dei miei più piccoli, lo avete fatto a me. Venite, benedetti del Padre mio, entrate in possesso del regno preparato per voi dall’inizio del mondo.

Ai versetti rispondiamo: “Eterna e la sua misericordia”

PRINCIPALI CAMBIAMENTI NELLA NUOVA EDIZIONE ITALIANA DEL MESSALE ROMANO

Confesso a Dio onnipotente e a voi, fratelli e sorelle,

che ho molto peccato

in pensieri, parole, opere e omissioni,

per mia colpa, mia colpa, mia grandissima colpa.

E supplico la beata sempre Vergine Maria,

gli angeli, i santi e voi, fratelli e sorelle,

di pregare per me il Signore Dio nostro.

Gloria a Dio nell’alto dei cieli

e pace in terra agli uomini, amati dal Signore. (cf. Luca 2,14)

Noi ti lodiamo, ti benediciamo,

ti adoriamo, ti glorifichiamo,

ti rendiamo grazie per la tua gloria immensa.

Signore Dio, Re del cielo, Dio Padre Onnipotente,

Signore Figlio unigenito Gesù Cristo,

Signore Dio, Agnello di Dio, Figlio del Padre

Tu che togli i peccati del mondo abbi pietà di noi,

Tu che togli i peccati del mondo

accogli la nostra supplica,

Tu che siedi alla destra del Padre abbi pietà di noi,

perché Tu solo il Santo, Tu solo il Signore,

Tu solo l’Altissimo Gesù Cristo,

con lo Spirito Santo,

nella gloria di Dio Padre. Amen.

Padre nostro che sei nei cieli,

sia santificato il tuo nome,

venga il tuo regno,

sia fatta la tua volontà, come in cielo così in terra.

Dacci oggi il nostro pane quotidiano,

e rimetti a noi i nostri debiti come anche noi li rimettiamo ai nostri debitori,

e non abbandonarci alla tentazione, ma liberaci dal male.

TESTI LATINI DELL’ORDINARIO DELLA MESSA

Glória in excélsis Deo

et in terra pax homínibus bonæ voluntátis.

Laudámus te,

benedícimus te,

adorámus te,

glorificámus te,

grátias ágimus tibi propter magnam glóriam tuam,

Dómine Deus, Rex cæléstis, Deus Pater omnípotens.

Dómine Fili Unigénite, Jesu Christe,

Dómine Deus, Agnus Dei, Fílius Patris,

qui tollis peccáta mundi, miserére nobis;

qui tollis peccáta mundi, súscipe deprecatiónem nostram.

Qui sedes ad déxteram Patris, miserére nobis.

Quóniam tu solus Sanctus,

tu solus Dóminus,

tu solus Altíssimus, Iesu Christe,

cum Sancto Spíritu: in glória Dei Patris. Amen.

Credo in unum Deum,

Patrem omnipoténtem, factórem caeli et terrae, visibílium ómnium et invisibílium.

Et in unum Dóminum Iesum Christum, Fílium Dei Unigénitum,

et ex Patre natum ante ómnia saecula.

Deum de Deo, lumen de lúmine, Deum verum de Deo vero,

génitum, non factum, consubstantiálem Patri: per quem ómnia facta sunt.

Qui propter nos hómines et propter nostram salútem descéndit de caelis.

Alle parole: «Et incarnatus» fino a «factus est», tutti si inchinano.

Et incarnátus est de Spíritu Sancto ex María Vírgine, et homo factus est.

Crucífixus etiam pro nobis sub Póntio Piláto; passus et sepúltus est.

Et resurréxit tértia die, secúndum Scriptúras,

et ascéndit in caelum, sedet ad déxteram Patris.

Et íterum ventúrus est cum glória, iudicáre vivos et mórtuos, cuius regni non erit finis.

Et in Spíritum Sanctum, Dóminum et vivificántem: qui ex Patre Filióque procédit.

Qui cum Patre et Filio simul adorátur et conglorificátur: qui locútus est per prophétas.

Et unam, sanctam, cathólicam et apostólicam Ecclésiam.

Confíteor unum baptísma in remissiónem peccatórum.

Et exspécto resurrectiónem mortuórum,      

et vitam ventúri saeculi. Amen.

(Simbolo degli apostoli)

Credo in Deum

Patrem omnipoténtem, Creatórem caeli et terrae,

et in Iesum Christum, Fílium eius únicum, Dóminum nostrum,

Alle parole: «qui conceptus est» fino a «Maria Virgine», tutti si inchinano.

qui concéptus est de Spíritu Sancto, natus ex María Vírgine,

passus sub Póntio Piláto, crucífixus, mórtuus, et sepúltus; descéndit ad ínferos,

tértia die resurréxit a mórtuis;

ascéndit ad caelos, sedet ad déxteram Dei Patris omnipoténtis:

inde ventúrus est iudicáre vivos et mórtuos.

Credo in Spíritum Sanctum, sanctam Ecclésiam Cathólicam,

sanctórum communiónem, remissiónem peccatórum,

carnis resurrectiónem, vitam aetérnam. Amen.

Sanctus, sanctus, sanctus Dóminus Deus Sábaoth.

Pleni sunt caeli et terra glória tua.

Hosánna in excélsis.

Benedíctus qui venit in nómine Dómini.

Hosánna in excélsis.

Agnus Dei, qui tollis peccáta mundi,

miserére nobis.

Agnus Dei, qui tollis peccáta mundi,

miserére nobis.

Agnus Dei, qui tollis peccáta mundi,

dona nobis pacem.